tumblr_inline_nkdiewimzf1rej1dz

Viralize, distribuzione e monetizzazione video a 360 gradi

  • 0
image

Non è facile fare il punto con il team di Viralize: sono talmente tanti gli obiettivi raggiunti e i progetti per il 2015 della piattaforma per la distribuzione di ADV video che si rischia di andare in confusione. Con Ugo Vespier, Marco Paolieri e Maurizio Sambati, cofounder, cerchiamo di tracciare una panoramica “per punti”.

Obbiettivi raggiunti?
Comincio volentieri dal citare alcune delle collaborazioni con brand del calibro di Walt Disney, Samsung, Heineken, Marvel, Universal Pictures, Fineco,
Wind, LEGO e Golden Point.

Un altro nome che non si può trascurare è quello di Youtube.
Eh sì, vero. Abbiamo anche firmato una partnership per la monetizzazione dei contenuti video all’interno di Youtube.

Obbiettivi centrati da un punto di vista “tecnico”?
Abbiamo
introdotto un algoritmo proprietario per il calcolo della viewability,
metrica sempre piu’ richiesta dagli advertiser nell’ottica di garantire
la trasparenza dei risultati delle campagne e, non meno importante,
abbiamo rafforzato il nostro “inventory mobile”: l’erogazione delle
campagne attualmente è su mobile per circa il 40%.

Anche sul fronte contenuti ci sono novità.
Sì,
la sperimentazione, in partnership con IMAXTREE, di un nuovo modello di collaborazione tra editori,
creatori di contenuti e advertisers, il formato Videocast è andata molto
bene. Tra gli editori che hanno partecipato al test c’era anche Marie
Claire
, importante testata di moda francese. Videocast diventerà uno dei modelli di business della nuova versione di Viralize.

image

E con questo si chiude la carrellata dei risultati “già portati a casa”. Anticipazioni sulle novità che ci riserva il 2015?
Siamo
nati come servizio di “video seeding virale” orientato ai branded
video, oggi questo segmento di mercato rappresenta solo una parte del
nostro core business. Viralize vuole diventare una piattaforma per la
distribuzione e la monetizzazione di contenuti video a 360 gradi,
offrendo servizi e supporto ai tre attori principali dell’ecosistema
“video online”: gli advertiser, i publisher e i creatori di contenuto.

Il progetto è ambizioso. Qualche dettaglio?

Per
gli advertiser, vogliamo rappresentare la possibilità di pianificare
e monitorare campagne video (siano pre-roll o di video seeding) su un
ampio inventario di publisher premium e sui principali marketplaces RTB.
Novità assoluta, gli advertiser potranno in futuro pianificare campagne
pre-roll scegliendo la tipologia di contenuto video a cui associarle,
oltre alle caratteristiche della audience target.

Anche per i publisher avete in serbo novità.
Per
i publishers ci sarà una versione completamente rivista della
piattaforma per gli editori. Vogliamo che sia davvero semplice
monetizzare. “Viralize for Publishers” permetterà anche di integrarsi
con la domanda presente sui marketplace RTB, garantendo cosi’ fill-rates
elevati anche nel caso non ci siano campagne dirette disponibili su
Viralize.

Infine, i creatori di contenuti.
Anche per i
creator ci saranno servizi di monetizzazione. Chi crea contenuti video
potrà caricarli su Viralize. In questo modo editori e blogger avranno a
disposizione una libreria di video pubblicabili gratis. Gli introiti
pubblicitari generati dai pre-roll associati ai video verranno suddivisi
tra editori, che mettono a disposizione gli spazi, e creatori, che
mettono a disposizione i contenuti.

Quel che si dice un modello collaborativo.
Esattamente.
Un modello che permette a tutti e tre gli attori di questo mercato di
ottenere benefici: Gli editori potranno accedere a contenuti video
premium, i creator potranno distribuire e monetizzare i propri video
(sia dentro che fuori Youtube), gli advertiser avranno la possibilità di
comprare spazi video scegliendo l’audience, il sito o il blog e il
contenuto video associato alla pubblicità.

Un salto avanti per Viralize.
Un
cambiamento talmente significativo che sarà associato ad una grande
operazione di rebranding. Manterremo solo il nome, cambiando
completamente l’aspetto visivo e comunicativo. Quello che possiamo dire,
per concludere è: venite a vedere!

AUTHOR

Nana Bianca

All stories by: Nana Bianca