vino75 ecommerce di vino

Il vino parla – sempre più spesso – il cinese. Vino75 lo ha capito: continua la sua scalata in Oriente

  • 0

 Dal Chianti al lontano Oriente: il successo della start up nata a Firenze nel mercato cinese non sembra incontrare ostacoli. Dopo l’accordo con il colosso Alibaba, il team di Vino75 cerca nuove opportunità per accrescere quota di mercato e brand awareness.

Vino75, start up gravitante nell’universo Nana Bianca, in poco più di tre anni ha decisamente preso il volo. Oggi è una tra le enoteche online più visitate in Italia, con volumi di vendita e ROI invidiabili. Merito dell’ampissima offerta di vini italiani ed esteri di ottima qualità a prezzi competitivi; certo, ma anche di un’esperienza di acquisto privilegiata. Provate per credere: avrete un “Sommelier Virtuale” a vostra completa disposizione per la scelta e l’acquisto dei vini. Del resto la vision alla base del business è ambiziosa: diventare la piattaforma di riferimento per l’acquisto di vino. E la strada imboccata sembra quella giusta, con rotte internazionali: Vino75 nel 2016 ha infatti stretto un accordo commerciale con il colosso cinese Alibaba. La partnership procede fruttuosamente da entrambe le parti e mira alla creazione di un hub del vino italiano in Cina. 

Da un tale successo in un Paese così lontano – in molti sensi – dal nostro, viene da chiedersi come sia nata l’idea. Dal Chianti alla Cina il salto è notevole.

vino75 su Tmall

Ci risponde Antonia Caserta, Project manager del progetto China:

“La Cina è un mercato complesso, ma a Vino75 piace cogliere sfide difficili, soprattutto considerando che il mercato cinese si stima possa diventare il secondo mercato mondiale per il vino entro il 2020 (secondo i dati ISMEA). Abbiamo scelto di cogliere questa opportunità sia perché riteniamo che posizionarsi prima di altri in un mercato in così forte crescita sia determinante, sia perché abbiamo le competenze e il livello di maturità necessaria per avere successo”.

Una risposta che non nasconde la consapevolezza di far parte di un’azienda in forte crescita, che non vuole lasciare andare alcuna possibilità in termini di quote di mercato.

E’ vero che è prematuro parlare di market share in questo mercato, ancora in fase di sviluppo, ma i dati non mentono. E premiano Vino75, emersa come l’enoteca online di vino Italiano con i risultati migliori rispetto a tutti gli altri player in occasione dell’ultimo Wine Festival Cinese svoltosi lo scorso 9 settembre. Un traguardo eccezionale, considerando che Vino75 è presente sulla piattaforma Alibaba solo da agosto.

I motivi di tale successo sono molteplici, primo su tutti la semplificazione dei processi produttivi e distributivi: Vino75 China è la piattaforma ideale per tutte le cantine eccellenti italiane ed estere che vogliono approcciare Il mercato cinese attraverso un interlocutore leader sul mercato digitale, con un’esperienza consolidata delle dinamiche di supply-chain, tecnologiche e di marketing.

Una buona percentuale di consumatori cinesi (il 20%) acquista vino on line, spesso attraverso  Alibaba, il colosso del mercato e-commerce: scegliere la piattaforma di Vino75, che ne è partner, rappresenta un ottimo vantaggio competitivo per qualsiasi produttore di vino, a prescindere dalla dimensione del business.

Il mercato cinese – Antonia Caserta lo ribadisce più volte – ha un potenziale enorme: il vino viene considerato uno stile di vita, sempre più ricercato, e le etichette italiane, nonostante un iniziale gap rispetto a quelle francesi, stanno attraversando un fase di crescita impressionante. Probabilmente perché  l’Italia, oltre ad essere il primo produttore di vino al mondo, esprime una qualità ed una biodiversità unica nei suoi prodotti.

Occasioni importanti per aumentare volumi di mercato e brand awareness sono, da qualche anno, le buying holidays. Vino75 ne è consapevole: rappresentano un ottimo strumento per intercettare nuovi consumatori, senza però dimenticare la continuità nel migliorarsi giorno per giorno.

Il Wine Festival di Alibaba, in calendario ogni 9 settembre, è uno degli eventi salienti per le vendite on line. Vino75 quest’anno ha presentato un assortimento di ben 62 etichette, provenienti da 24 cantine eccellenti, riscontrando risultati incoraggianti sia in termini di brand awareness e che di vendite, anche di bottiglie di alto e altissimo livello. Appena passato Il Wine Festival, l’altro grande appuntamento per gli e-commerce cinesi è alle porte: il Single Day si svolgerà il prossimo 11 novembre. Cosa ha in serbo la nostra enoteca virtuale? Vino75 farà la sua parte nella categoria del Vino italiano con offerte allettanti: le cantine presenti nel catalogo potranno raggiungere un numero elevatissimo di consumatori, tanto che il vino italiano potrebbe diventare uno dei più importanti best-seller dell’evento.

E parte del merito sarà anche di Vino75 China, Antonia ne è certa.

 

AUTHOR

Nana Bianca

All stories by: Nana Bianca