Italia, terra di poeti, santi, navigatori… e investitori!

  • 0

Quanti sono gli investitori che hanno scelto le startup italiane come loro “territorio”? Meno di 150, secondo i dati di Startup Europe, programma della Commissione europea per incentivare la crescita delle neo imprese. Ben 91 sono italiani, e questa può di per sé essere giudicata una buona notizia.

Startup Europe, che ha come obiettivo il potenziamento dell’ecosistema imprenditoriale per le imprese digitali e dell’Ict guarda con ovvia attenzione al mondo del venture capital. I suoi dati uffiali parlano di un mondo variegato, che comprende società effettivamente impegnate negli investimenti in startup ma anche e cosiddetti operatori ibridi, in mezzo ai quali ci sono non soltanto investitori ma, per esempio, anche studi legali che assistono le startup, società di corporate finance ed advisor vari. Tutti e 144 con almeno una “location” in Italia, 120 quelli che hanno l’Italia come area geografica di riferimento e 91 gli nazionali, tutti, in ogni caso, collegati in qualche modo all’ecosistema delle nostre future imprese innovative.

Se al primo posto c’è Eight Roads Ventures, che si occupa di investimenti con tagli da un minimo di 5 a 50 milioni di euro e lavora, oltre che in Italia, in Israele, Germania, Francia, Spagna, Scandinavia, Olanda, Belgio, UK, spiccano in buona posizione anche nomi noti e meno noti dell’ecosistema italiano delle startup: P101, fondo di venture capital nel settore digitale gestito da Andrea Di Camillo, con finanziamenti early stage che vanno dai 500mila ai 5 milioni di euro (7,5 milioni ell’ultimo semestre); Club Digitale con 3 milioni di euro negli ultimi sei mesi; Club Italia Investimenti2/Ciii2 (900mila euro nell’ultimo semestre).

Si unirà presto alla lista Club Acceleratori, l’ultimo progetto promosso da SiamoSoci, che prevede una dotazione di 5 milioni: uno dagli acceleratori, 4 da business angel, con i primi investimenti entro la fine di quest’anno. L’idea nasce dal detto “l’unione fa la forza”: l‘ecosistema italiano degli innovatori sta provando a fare davvero sistema, cercando di accrescere il valore e l’effetto delle scarse risorse finanziarie a disposizione e magari farne emergere di nuove, grazie alla capacità di attrazione delle aggregazioni.

AUTHOR

Nana Bianca

All stories by: Nana Bianca